Crescere in leadership con la formazione a distanza

Rassegna stampa

#leadership

18/11/2020

Crescere in leadership con la formazione a distanza

Dopo aver conosciuto da vicino il coaching individuale, torniamo oggi sul tema della formazione delle risorse umane a distanza. Un’esperienza ormai parte della cultura aziendale che sempre più organizzazioni, consapevoli dell’importanza in termini di crescita professionale e relazionale, mettono a disposizione dei propri dipendenti e collaboratori.

Ma come continuare a beneficiare di questo prezioso arricchimento anche quando non è possibile ritrovarsi in presenza? Vediamo insieme in che modo i manager di una grossa azienda del settore metalmeccanico hanno vissuto la formazione a distanza tramite piattaforma digital.

 

Formazione di gruppo online, una nuova sfida ai tempi del COVID-19

Formatrice: dott.ssa Gianpiera Marchitelli
Target: Manager per importante rivenditore di componenti meccanici
Durata: 12 ore
Modalità: online
Periodo: giugno 2020

Focalizzato sul potenziamento della leadership, il piano di formazione di questi responsabili di reparto è stato incentrato in modo approfondito sulla comunicazione e su come affrontare al meglio i cambiamenti nella gestione del proprio ruolo in situazioni che richiedono di interfacciarsi a distanza con il resto del team.

Suddiviso in quattro moduli – Comunicare, Gestire, Motivare, Misurare -, per ogni modulo abbiamo dato spazio sia a contenuti teorici, sia a esercitazioni pratiche; un aspetto quest’ultimo brillantemente gestito al di là di ogni scetticismo grazie a specifiche funzionalità della piattaforma. Con la possibilità di creare stanze e in ottica di facilitare le relazioni abbiamo infatti creato sottogruppi di 3 – 4 persone ciascuno, preservando dunque uno dei valori più solidi dei percorsi formativi in presenza. Il formatore ha potuto anche a distanza mantenere il proprio ruolo di regia, entrando di tanto in tanto nelle stanze per assicurarsi che le discussioni procedessero in modo costruttivo.

Terminato il lavoro dei sottogruppi ci si è ritrovati tutti insieme in plenaria, dove sfruttando le bacheche messe a disposizione dal tool abbiamo raccolto le varie considerazioni dirigendoci verso la conclusione.

Il percorso è stato strutturato appositamente per una fruizione online, con criteri differenti rispetto alla classica formazione in aula.

 

Superamento delle perplessità per una grande soddisfazione condivisa

La prima perplessità emersa a inizio percorso era legata al mantenimento del livello di efficacia della formazione, solitamente molto calata nella realtà e dove la presenza fisica è ritenuta essenziale. A questo abbiamo dato risposta in due modi:

  1. Studiando attività ad hoc per l’online;
  2. Analizzando varie piattaforme fino a individuare quelle più idonee per una traslazione in digitale della formazione, così da arginare il più possibile il limite della distanza fisica e anzi facendo emergere nuove opportunità.

La seconda perplessità era inerente al numero di partecipanti, abitualmente non più di 10 in normali incontri di formazione in aula. È possibile gestire a schermo 10 partecipanti? Come ovviare all’importanza dei microgruppi? Non c’è stato alcun bisogno di mediazione: 10 è secondo noi il numero massimo ideale anche per la formazione su mezzi digitali, mentre i sottogruppi sono stati facilmente organizzabili con la funzionalità delle “stanze”.

Terza e ultima perplessità il fattore temporale connesso alla questione attentiva e concentrativa dei partecipanti. Rispetto alla formazione in presenza, spesso articolata nell’arco dell’intera giornata, è stato qui necessario pensare a una strutturazione del tutto differente, con incontri più brevi della durata di 2 – 3 ore ciascuno.

Il risultato finale è stato di grande soddisfazione generale. Le persone hanno trovato una dimensione congeniale che le ha stimolate a mettersi in gioco e partecipare attivamente, sia a livello cognitivo ma anche di interazione attraverso giochi ed esercitazioni.

 

Formazione da remoto: limite o nuova opportunità?

L’esempio descritto testimonia come le barriere geografiche non siano necessariamente un vincolo alla formazione. Anzi a volte è proprio la lontananza ad accendere il bisogno di formarsi, per acquisire un metodo organizzativo e di gestione che nel tempo sarà imprescindibile in un mondo sempre più proiettato al lavoro agile.

Formarsi a distanza dal punto di vista dell’azienda significa anche notevole risparmio economico e grande semplificazione logistica. Favorisce inoltre l’avvicinamento e la condivisione di intenti tra persone che si trovano a collaborare da remoto, sporadicamente oppure da prassi quotidiana.

Contattaci senza impegno e insieme predisporremo il tuo piano formativo aziendale.

Skill journal

Great Resignation: una crisi di senso del lavoro – oltre 120secondi con Paolo Iacci

oltre 120secondi | Video

#flessibilità | #greatresignation | #smartworking