Age Management pt.1: perchè coinvolgere le persone – 120secondi con Paolo Iacci

120secondi | Video

#agemanagement

06/10/2021

Age Management pt.1: perchè coinvolgere le persone – 120secondi con Paolo Iacci

Nella nostra rubrica di 120secondi affrontiamo il tema dell’Age Diversity Management con la voce di Paolo Iacci, psicologo del lavoro, manager d’impresa e docente di “Gestione delle Risorse Umane” presso la facoltà di Scienze Politiche dell’Università statale di Milano. É il primo di una serie di tre appuntamenti dedicati.

Il tema di oggi è il seguente: come è possibile coinvolgere le persone che fanno parte di una forza lavoro multigenerazionale?

Il punto di vista di Paoli Iacci ci aiuta a formulare le premesse per lo sviluppo di azioni di Age Management efficaci.

Segui l’articolo per l’approfondimento e le nostre soluzioni.

L’Italia è la terza potenza mondiale più vecchia per occupati over 50, dopo Germania e Giappone. Il prolungamento della vita lavorativa – determinato in gran parte da cambiamenti demografici, storici e legislativi – sta manifestando le prime conseguenze: sullo stesso suolo aziendale iniziano ad essere presenti fino a cinque generazioni che devono interagire e collaborare pur avendo approcci lavorativi ed esigenze diversi.

Dunque, affrontare il tema dell’Age Diversity attraverso azioni di Age Management è e sarà sempre più determinante.

Cos’è l’Age Management

L’Age Management è una branca del Diversity Management che si occupa di implementare iniziative aziendali mirate a favorire l’integrazione e la valorizzazione delle diverse generazioni presenti in un ambiente di lavoro.

Ogni generazione porta con sé aspettative, competenze, modelli di comportamento, di pensiero, abitudini e valori differenti. La sfida dell’Age Management sta nel creare un’equilibrio tra le diverse generazioni presenti in azienda, conciliandone le differenze e le esigenze.

La diversità di età, come quella di genere, di orientamento sessuale e culturale, è un aspetto che fornisce valore all’interno delle organizzazioni. Applicare le giuste iniziative nella gestione dell’età può aiutare a gestire il turnover fisiologico della forza lavoro e a promuovere le pari opportunità.

Coinvolgere le persone: come e con quali strumenti

Il modo migliore per costruire le premesse per una sana convivenza tra generazioni è quello di creare un ambiente di lavoro in cui ogni individuo sia messo nelle condizioni di sviluppare il suo potenziale senza essere svantaggiato dall’età. 

Per costruire un ecosistema inclusivo e ingaggiante è innanzitutto fondamentale capire le diverse aspettative ed esigenze attraverso un lavoro di confronto e condivisione. L’impiego di focus group motivazionali per fasce d’età omogenee o in situazioni miste è una delle soluzioni per cogliere questi aspetti. Questo strumento nelle strategie di Age Management è utile, ad esempio, per:

  • comprendere le credenze sulle abilità di ciascuno e i gap a cui possono tendere
  • rendere consapevoli dei bisogni motivazionali
  • conoscere gli stereotipi legati all’età
  • condividere gli stati emozionali connessi al lavoro con collegh* di età differenti
  • valorizzare le esperienze di lavoratori con seniority più elevata e le risorse di quelli più giovani

Attraverso questi momenti si definisce l’appartenenza alla propria generazione, sviluppando consapevolezza, motivazione e coinvolgimento. Al contempo si comprendono le differenze e i bisogni che caratterizzano le altre.

Skill si avvale di psicologi del lavoro esperti in metodologie atte a questo scopo. Tra i nostri servizi puoi consultare Cross-Age, pensato per interventi trasversali in ottica di Age Diversity.

Sei interessato ad una consulenza specializzata per gestire differenze d’età sul tuo luogo di lavoro?

Contattaci senza sforzo!

Skill journal

Great Resignation: una crisi di senso del lavoro – oltre 120secondi con Paolo Iacci

oltre 120secondi | Video

#flessibilità | #greatresignation | #smartworking